Da gennaio al 15 novembre 2021 si sono rivolte al Centro Antiviolenza Maschero  425 donne vittime di violenza. Di queste, 324 hanno svolto un primo colloquio con un’operatrice professionalmente qualificata e 210 hanno intrapreso un percorso di fuoriuscita dalla violenza. Hanno contattato il Centro Antiviolenza Mascherona 63 donne in più (17,4%) rispetto allo stesso periodo del 2020.

I dati rispetto ai primi colloqui e alle prese in carico sono in aggiornamento in quanto molte donne che hanno chiamato negli scorsi giorni verranno a colloquio nel corso di questa settimana e della prossima. I tempi che intercorrono tra la telefonata è il primo colloquio sono in media 3-4 giorni.

Nel 2021 hanno continuato il percorso di uscita dalla violenza 225 donne che si erano rivolte al Centro negli anni precedenti. In totale, le donne seguite dal Centro sono state 462 e sono stati svolti 2625 colloqui.

 

  2020 Gen-15 nov 2021
Numero nuovi contatti 416 425
Numeri primi colloqui 357 324
Numero nuove prese in carico 250 210
Numero prese in carico seguite dagli anni precedenti 212 225
Numero totale prese in carico 462 435

 

COLLOQUI DI PRESA IN CARICO

Primi colloqui 324
Colloqui di presa in carico con donne 2242
Colloqui di presa in carico con minori 59
Totale colloqui di presa in carico 2301
Totale colloqui (presa in carico + primi colloqui) 2625

 

Dai nostri dati emerge che CODICE ROSSO è stato attivato per 46 delle 425 donne che si sono rivolte al Centro.

La maggior parte delle donne seguite dal Centro Antiviolenza ha meno di 50 anni (21,42% 16-29 anni, 16,1% 30-39 anni, 27,14% 40-49 anni). Nel 66% sono donne italiane.

Il 49% delle donne vive con uno o più figli (minorenni e maggiorenni). Dai dati emerge che 124 bambini/e sono attualmente possibili vittime di violenza assistita e/o diretta.

Il 67% dei casi l’autore è il partner o l’ex. Nel 45,7% la donna ha avuto paura per la sua vita e/o quella dei figli/e.

 

OCCUPAZIONE

Il 25,2 % delle donne che hanno intrapreso un percorso di fuoriuscita dalla violenza nel corso del 2021 sono casalinghe, inoccupate o disoccupate. Il 32% ha un lavoro stabile., il 17% lavora in forma saltuaria e precaria.

Side bar