Come lavoriamo

Il nostro lavoro si fonda sulla condivisione del pensiero e della pratica femminista centrata sul valore del libero confronto tra donne.

 

Nella nostra pratica quotidiana di Centro Antiviolenza questo si traduce in una metodologia di accoglienza che si basa sulla relazione tra donne.

Essa implica un positivo rispecchiamento del proprio genere, cioè un riconoscimento reciproco delle proprie competenze e del proprio valore, volto a contrastare il senso di impotenza che spesso si prova in queste situazioni.

Secondo noi il percorso di uscita dalla violenza è negoziato e rinegoziato in un continuo processo di reciprocità: si stabilisce con la donna un rapporto orizzontale (linguaggio condiviso, atteggiamento empatico, sospensione del giudizio), fondato sul riconoscimento mutuo delle rispettive competenze, laddove l’operatrice è competente sul metodo, la donna in carico è competente sul problema.